La Storia per strada

scheda ordine

Nella mia ancora breve esperienza in un call center, ho potuto notare come sia diffusa una certa ignoranza anche nelle cose più semplici, come i nomi dei personaggi storici a cui sono intitolate le nostre vie, così abbiamo “via Carlo Max”, “via Alcide da Gasperi”, “via G. Ungareti”, “via Antonio Gramsi” e ancora “via Covur” e “via Giacomo Mateoti”.
A parte che domandarsi se certa gente abbia fatto o meno le scuole elementari per conoscere Cavour e Ungaretti è spontaneo, io mi chiedo, ma vi siete mai chiesti perché un certo Gramsci si meriti in ricordo una via?

Allora io scrivo questo articolo per porre una domanda: chi era il tizio che da il nome alla vostra via, cosa ha fatto per meritarsela?

Io vivo in via Prospero Intorcetta, un missionario siciliano che tradusse per prima gli insegnamenti di Confucio dal cinese al latino, evidenziando come alcuni principi morali siano condivisi naturalmente dai cristiani e dai confuciani. Mica poco, eppure oggi non lo conosce quasi nessuno, neppure chi vive nella mia stessa via.

L’invito a commentare è valido anche se le vostre vie sono intitolate a date, personaggi di fantasia o che ne so!

7 thoughts on “La Storia per strada

  1. >>Allora io scrivo questo articolo per porre una domanda:
    >>chi era il tizio che da il nome alla vostra via,
    >>cosa ha fatto per meritarsela?

    Surreale, ho appena scoperto che la strada in cui abito è intestata a un uomo che non è mai esistito… a cui è attribuita un invenzione che esisteva già da secoli… forse era meglio non saperlo.
    (Flavio Gioia… abito in via Flavio Gioia)

  2. Al paesello vivo in via Pietro Scaglione, magistrato palermitano – per la precisione procuratore della repubblica di Palermo – assassinato nel 1971. In questa allegra storiella sono coinvolti personaggi del calibro di Totò Riina, Tommaso Buscetta e Luciano Liggio. Insomma, gente per bene…
    Luigi Zancla, che da il nome alla via in cui si trova casa mia a Palermo, non so chi sia! Qualcuno lo sa?

  3. la mia strada si chiama Gallina…e di fronte ci ho vai Tacchino…ma non potevano dar nomi un pò più importanti?? intitolate a pennuti che non volano…che tristezza! :-/

Rispondi