Filastrocca di capodanno

Filastrocca di capodanno:
fammi gli auguri per tutto l’anno:
voglio un gennaio col sole d’aprile,
un luglio fresco, un marzo gentile;
voglio un giorno senza sera,
voglio un mare senza bufera;
voglio un pane sempre fresco,
sul cipresso il fiore del pesco;
che siano amici il gatto e il cane,
che diano latte le fontane.
Se voglio troppo, non darmi niente,
dammi una faccia allegra solamente.

Questa filastrocca è il mio augurio di un buon 2010 e un mio personale omaggio al poeta e pedagogo Gianni Rodari, con cui sono cresciuto e a cui forse devo la mia passione per la poesia.

3 thoughts on “Filastrocca di capodanno

  1. Chi non conosce Gianni Rodari? Ho passato buona parte della mia infanzia tra Pinocchio di Collodi, il libro della giungla di Kipling e le poesie di Gianni Rodari. Rime semplici che non puoi fare a meno di leggere con un sorrisetto che ti si stampa in viso senza nemmeno accorgertene….alcune filastrocche me le ricordo ancora, tra cui proprio questa.
    Buon anno anche a voi :)

  2. Bella! Semplice, ma bella. Ricorda l’infanzia anche a me, come a tutti credo. Buon anno ai macellai e anche ai non macellai!

Rispondi