Aiuto: l’influenza non sarà un flop!

Fulminazioni notturne da parassiti invisibili all’occhio umano.
Penetrano dentro il tuo organismo, come un gruppo di soldati ninja, una volta dentro conquistano il territorio, ne prendono dimora e iniziano a costruire il loro regno, dentro te. Proprio così! A tue spese chiaramente, anche se all’inizio non te ne accorgi.
D’improvviso un giorno succede – o potrebbe succedere – il crollo, tutto vacilla, le certezze svaniscono e avverti i tremori, gli sconquassi, quasi cambi le idee.
Se il tuo corpo è abbastanza debole o incerto, tutto ciò potrebbe succedere, con molta facilità. Se non sei allenato e informato, non vieni escluso dal mirino dei parassiti così, per gentile grazia.

Bisogna(erebbe) vivere la propria vita con la mente più elastica possibile per tirarla, stenderla e far posto a tutto quello che non si conosce; non deve essere una vita di fatica e stress ma di conoscenza e saggezza. Se ne avessi un pochino in più, non entrerei così facilmente in paranoia avvertendo un paio di sintomi influenzali, troverei spiegazioni logiche e saprei come agire, senza dubbi o incertezze – e invece no, spesso ci confondiamo, siamo impauriti e cerchiamo conforto e rassicurazione ascoltando pareri di amici, parenti, medici e ancora altra gente!

È un piccolo esempio ristretto questo qui sopra, il concetto invece è applicabile a tanto altro.
Basti pensare agli argomenti di interesse comune: politica, cibo, sicurezza, salute, ecc.

Lo sapete che non so scrivere di politica, me ne guardo sempre, ma so che è più importante leggere e documentarsi tanto sull’argomento, sui personaggi e su tutte le persone che ruotano intorno alla politica – la sensazione imperante è che c’è tanto da sapere e poco che fanno sapere…

Idem per il cibo, conoscere gli alimenti (e il proprio corpo), cosa è meglio per il nostro organismo (imparare ad ascoltarci?), da dove arriva il cibo o meglio come gli alimenti vengono coltivati o allevati – parere mio, meglio evitare quelli creati! – e poi in contorno, tutte le verità nascoste sull’industria – pachiderma evolutivo ormai avviato ad un’età adulta, amato dall’uomo / che schiaccia l’uomo / odiato dall’uomo / che aiuta la vita dell’uomo – e le sue politiche, soprattutto etiche; si sa che girano troppi soldi intorno all’industria.

Idem sulla sicurezza, quando penso alla sicurezza mi sovviene alla mente l’immagine del logo di Norton Antivirus, e sorrido. Il problema della sicurezza è forse nel come viene avvertita dalla gente; purtroppo anche qui ci hanno semplificato il problema bombardandoci attraverso i media più diretti e di facile fruizione – vedesi TV, leggasi internet – di scale di allerta, livelli di sicurezza, nuovi standard sulla sicurezza, guida sicura, ecc. È una continua situazione di falso allarme; mi raccomando, tutti pronti e sull’attenti a scattare se dovesse mai esplodere il pericolo! Cosa e chi non importa, l’importante è essere preparati – o tenervi spaventati.

Idem su idem su idem per la salute. E finchè c’è salute futtitinne*!
Il problema è che per curare la salute esistono medici che spesso ti aiutano intervenendo con farmaci – al di là delle tipologie scientifiche e chimiche o omeopatiche e placebiche. Dietro la salute vi è la medicina, accanto la medicina vi è la farmacologia, nello stesso letto succede un’ammucchiata con l’industria e i soldi. Pensa ai misteri della fede e all’esatta comparsa di virus, preventivamente annunciato attraverso comunicati stampa, non prima che arrivi sul mercato l’ultimo vaccino anti-influenzale, o alle speculazioni su cure anti-tumorali, agevolazioni se ti rivolgi al privato e non curanza se ti affidi al pubblico…

Ora che ci penso, non sono così argomenti casuali e distaccati, sembra invece una chiara e continua trama circolare che puoi iniziare a leggere da qui e proseguire senza fermarti: la cura verso le persone, le agricolture e gli allevamenti, le industrie e il danaro, la nascita o creazione di virus, le pronte medicine per…

Forse le mie riflessioni sono distorte da tanto pessimismo, sfiducia nei confronti di chi tiene in mano il potere, rassegnazione che difficilmente esisterà qualcuno che prenderà in mano la situazione per il bene collettivo anzichè del proprio tornaconto (politici, case farmaceutiche, multinazionali…), troppe medicine per debellare una stupida influenza stagionale, ma, ad ogni modo il culo è sempre nostro, del popolo.

Quindi per favore, che ognuno si evolva: curiosità, intraprendenza e, se proprio non riuscite a farla andare altrimenti, vasellina.

*dal siciliano: fregatene.

2 thoughts on “Aiuto: l’influenza non sarà un flop!

  1. Interessanti spunti di riflessione. Purtroppo anche gran parte dei cibi “non costruiti” (quindi sto escludendo tra gli altri marshmallow, bevande gasate e preparati liofilizzati “al gusto di..” ) sono “trattati” chimicamente: i vegetali con pesticidi e concimi (quando non sono OGM), i prodotti di origine animale (oltre a mangiare vegetali “trattati”) mangiano schifezze che non dovrebbero mangiare (come per esempio le farine animali) e vengono “pompati” con ormoni e altri farmaci.

    Un riferimento è il mio articolo http://www.abattoir.it/2010/03/15/animali-a-tavola-3-%E2%80%93-dietro-letichetta-trova-le-differenze/

    E vi consiglio di guardare un DIVERTENTISSIMO CARTONE ANIMATO riguardante l’allevamento come era/com’è o come vogliono farci credere/com’è che lascia l’amaro in bocca:
    http://www.themeatrix.com/

  2. Agricoltori intelligenti io sono sicuro che esistono, per come esistono allevatori intelligneti e scrupolosi e che credono nel valore della salute e del benessere, non solo nel proprio tornaconto; di sicuro però queste persone non gestiscono grandi industrie di cibo ma piccole fattorie o realtà locali, ad ogni modo, ogni territorio italiano [in Sicilia che te lo dico affà!] è ricco di tante specialità e risorse, fortunatamente siamo ricchi sotto questo aspetto, bisogna solo saper cercare e selezionare!!
    Giusto per non andare troppo distanti nello spazio e nel tempo, parlavo anche di qualcosa di simile che accade troppo spesso in troppi posti…
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-04737652-434d-4b12-9586-ad53b10111c0-tg1.html

Rispondi