Per un passato migliore (cit.) – Se Facebook può salvarci

Sì, il titolo è una cit. dei Ministri.
In un’epoca in cui ormai conta solo il carpe diem (e fate bene, non fraintendete) mi chiedo se ci sia ancora qualcuno che si ferma a riflettere sulle implicazioni delle proprie azioni sul domani. Non sto parlando di decisioni drastiche del tipo “mi faccio la frangetta in stile Cristina D’Avena primi anni ‘90”, ma delle nostre azioni di routine giornaliera, come ad esempio fare la spesa e comprare lo yogurt alla banana anziché quello allo 0,2% di grassi. Se avessimo comprato ogni giorno lo yogurt magro, magari adesso non avremmo la cellulite…

Vabbè, si fa per dire! Però la mia cellulite mi ha fatto riflettere su una cosa. Guardando al nostro passato ogni giorno, potremo migliorarlo! Cioè non con una macchina del tempo o con poteri psichici retroattivi ma toh’, anche grazie a Facebook! Pensateci: ogni giorno i nostri account facebook ci mostrano quanto eravamo idioti 5 anni fa, anche 7 o 8 per chi ha un account da molto tempo. Sto parlando della notifica giornaliera “visualizza i tuoi ricordi”.

Ecco, personalmente facebook mi sbatte giornalmente in faccia foto e status che riguardavano la relazione col mio ex, oltre ovviamente a foto e status del mio erasmus. Insomma in un modo o nell’altro mi veni i chianciri!
Come potrebbe cambiare il nostro oggi con la funzione “ricordi di facebook”? Ci possiamo rendere conto di come questa piattaforma e l’uso che ne abbiamo fatto si siano evoluti. Ovviamente ci rendiamo anche conto che 5 anni fa eravamo degli idioti! Chi se lo ricordava che nel 2010 condividevo video di Twilight? Chi se lo ricordava che una volta, per un giorno, per un minuto, sono stata d’accordo con un enunciato di Bebbe Grillo? A me vengono i brividi. E Twilight magari posso capirlo…

E voi, volete vedere sui vostri profili frangette ridicole, compagnie aberranti, status sull’acconciatura di Mara Maionchi tra 5 anni? No? Allora non fatelo! Riprendetevi una rivincita sul vostro passato! Ogni giorno, quando state per pubblicare un post su facebook chiedetevi “cosa ne penserò tra 5 anni di ‘sta cazzata che sto per scrivere?”. Se volete conservare un buon ricordo di voi al “voi del futuro” magari evitate i buongiornissimi, i Despacito, i selfies in discoteca con la lingua di fuori viola effetto cocktail. Evitate pure, per quanto possibile, di sbandierare l’uomo/donna della vostra vita in ogni possibile status o aggiornamento, che poi se quello/a sarà l’uomo/donna della vostra vita ma non di questa vita, forse di un’altra, il vostro passato non sarà migliore.

Per un passato migliore, non fate gli idioti su Facebook. Prometto che ci proverò anche io.

3 thoughts on “Per un passato migliore (cit.) – Se Facebook può salvarci

  1. Grande a me però rileggere i miei post passati fa tenerezza, o comunque mi dà la sensazione di essere cresciuta. Alla fine quella di quei post ero sempre io, ma con una consapevolezza diversa (anche della lingua italiana, dato che abbndavo con i xké e i xò XD)

Rispondi