La ballata dell’idiota

Dicono sia bello perché vario, il mondo intero

Fatto di santi, stronzi, alcolici ed humor nero,

Di poeti, filosofi e coraggiosi patrioti

Ma, credete, al 100 per 100 il mondo è fatto di idioti.

 

Un idiota si lascia influenzare e segue sempre una falsa pista,

senza spirito critico e con un solo punto di vista;

Si infiamma davanti lo schermo e inveisce contro attori cani

Ma se lo insulti di presenza, ti chiede scusa e alza le mani.

 

Gli idioti danno fiato alla bocca fino a sfiorare la demenza

Ma a volte per essere idioti ci vuole intelligenza.

Pensa a certi comici, al no sense alle battute belle dei cartoni,

Gli idioti sono quelli che ripetono tormentoni.

 

Attenti però che l’idiozia è di tutti e si espande a iosa

Se nessuno si interessa e si chiede chi ha fatto che cosa.

Il disinformato, il razzista, l’omofobo e chi ha paura dei vaccini,

quelli non sono solo idioti: sono pure dei cretini!

 

Siamo tutti idioti, chi un po’ di più chi un po’ di meno,

ma se ascolti certi discorsi pensi “questi fanno sul serio?”

Tagliano i fondi all’istruzione, non ci vogliono preparati,

Così gli idioti alle elezioni sono sicuri di esser votati.

 

Per attirare a sé i consensi della parte peggiore della piazza

Partono filippiche inferocite in nome della razza.

L’idiota promette di abolire tutto ciò che è impopolare,

io abolirei la fiera degli idioti della campagna elettorale.

 

L’idiota non soffre, non sa di esserlo, è fortunato

Ma chi gli sta intorno, poverino, purtroppo è condannato.

Ha a che fare con chi crede di sapere tutto

ma che in realtà quando parla fa lo stesso rumore di un rutto.

 

L’essere idiota non si nasconde, è come essere alti o bassi,

Ché se sei brutto puoi agghindarti, se sei idiota non posso aiutarti.

Se discuti con un idiota, non abbassarti al suo livello,

ti batte per esperienza, ti lascia inerme e ti fotte il cervello.

 

Per essere accettato dal branco, a volte, devi fare l’idiota,

Perché se sei brillante, creativo e capace, ti mettono sempre l’ultimo in coda.

L’idiota è pericoloso se comincia a professare

Perché, ahimè, del resto sa anche come farsi amare.

 

Dicono sia bello perché vario, il mondo intero

E sarebbe un’idiozia il volerlo prendere sul serio.

Ma al voler sembrar scienziato con manie di protagonismo

Preferisco essere idiota, però con sano ottimismo.

 

 

Liberamente ispirata a “Los idiotas” – Calle13.

2 thoughts on “La ballata dell’idiota

Rispondi