Mare ti penso lontano

Mare placido che unisci i popoli e abbracci le terre,
sommergi gli antichi misteri e concedi scoprirli,
culli le navi di notte e traghetti nuove speranze,
regali tramonti e specchi la luna rendendola molte,
cancelli i castelli e i “ti amo” di sabbia per farli unici.
Mare che qui c’è solo terra e mi mancano i tuoi schizzi.

Rispondi