Fenomenologia del Capodanno per un siciliano

di Rosita Baiamonte

U primu Gennaio è comu na fimmina profumiera.

Ti ammalia, ti scòncica e si tinci u mussu di tutti li cosi boni ca tu, ‘nta lu cori, speri.

Poi arriva u due e già ti si rumpiu a machina, ti lassò apperi e tu,

povero e malirittu,

ammutta ammutta

e dintra di tia pensi:

chi mala fimmina ca si, Capodanno,

mala e munzignera.

U capivu, u prossimo anno,

si ci campo, ti lasso fuora,

o friddu,

fimmina mala e munzignara.

One thought on “Fenomenologia del Capodanno per un siciliano

Rispondi