hhsdjh

No, non ho lasciato la tastiera del mio laptop in balia del mio gatto che ha pubblicato per me questo titolo.
Questa parola impronunciabile potrebbe essere la mossa di social media marketing più assurda e più efficace degli ultimi tempi.

Questo post è stato pubblicato su facebook sulla pagina di Ikea Italia. Da chi? Sta proprio nel suo mistero il successo del post. Il social media manager ha lasciato il PC al figlioletto dimenticandosi l’account aperto? C’è lo zampino di un gatto? Oppure è una mossa strategica ben studiata?
6 lettere a caso, che formano una impronunciabile parola che ricorda i nomi dei mobili più amati e odiati d’Italia. Una parola più assurda di FYRKANTIG, SMÖRBOLL, KNUTSTORP, FLÄRDFULL, nomi realmente dati ad alcuni prodotti Ikea. Il sospetto che il post sia frutto di un errore è ciò che lo ha reso memorabile, il fatto che anche i nomi dei prodotti Ikea sono impronunciabili rende il post leggendario.

L’inconcludente post ha avuto successo, al momento inferiore all’insensato hastag #petaloso, ma comunque un gran successo. Basta considerare che un post di Ikea Italia normalmente ottiene una media di 200 like e 10 commenti. Il post apparentemente nato per errore dopo 21 ore ha ottenuto più di 12.000 like, e oltre 2000 commenti.

Il meccanismo di viralità non termina col post, ma continua con i meme, i commenti memorabili, le condivisioni, e gli articoli (come questo) che parlano dell’argomento. La visibilità del post (e quindi del marchio, come se ne avesse bisogno) è destinata a crescere quindi esponenzialmente.

È una delle assurdità del web partecipativo: un post forse nato per caso o disattenzione diventa un post di successo, più di altri sofisticati post con video accuratamente studiati e che hanno richiesto sforzi di produzione ed economici 10000 volte superiori alla semplice pressione di 6 tasti a caso.
Pensate alla frustrazione dei creativi più validi nel vedere che un post così semplice ottiene così tanto successo!

E se davvero l’autore del post fosse stato il gatto di chi gestisce la pagina si è meritato una ciotola di croccantini extra a vita e un laptop su cui zampettare tutto suo!

One thought on “hhsdjh

  1. A me queste dinamiche, lo dico sempre e lo continuo a dire, preoccupano: esulano dall’intelligenza e o dall’etica. Si potrebbe fare/dire di tutto! E avrebbe successo! Mah.

Rispondi