“Oh Palermo, oh cara”

Mili é un indiano del Bangladesh. Vende (ambulando nel centro di Palermo) accendini, cartine, etc. Ogni tanto, da anni, ci incrociamo in centro e scambiamo 4 chiacchiere. Oggi mi vede seccata e mi offre un fazzoletto. Vuole sapere perché ho gli occhi in giù. Mi dice che comunque lui é solo. Vuole offrirmi la cena. Lo ringrazio, lo abbraccio. Palermo é salva.

Mare ti penso lontano

Mare placido che unisci i popoli e abbracci le terre, sommergi gli antichi misteri e concedi scoprirli, culli le navi di notte e traghetti nuove speranze, regali tramonti e specchi la luna rendendola molte, cancelli i castelli e i “ti […]