MacellAutori

Andrea Ventura Vegetariano sin dalla tenera età di 3 anni e altresì quadrato ingegnere con una schizofrenica passione equamente divisa tra arte e informatica. Ama la comunicazione visiva e preferisce disegnare e scattare foto che riassumano il suo logorro-pensiero in un’immagine, piuttosto che in molte parole. Nonostante ciò, potrebbe parlarvi per circa 6 ore di consumo critico e informato, oltre che della sua vita.

Maria Cristina Vasile Linguista frustrata, riesce a leggere Il Signore degli Anelli in meno di 5 giorni; “siciliandalusa” per definizione a causa del suo amore per l’Andalucia; poetessa perennemente a dieta, divora patatine e nutella come fosse sempre l’ultimo giorno. A volte brillante, leale, audace, affidabile (non necessariamente in quest’ordine). Irritabilmente sincera, parla di sé in terza persona.

Marco Giglio Nato nel cuore di Palermo e cresciuto nell’estrema periferia Nord tra fratelli, pallone e gatti, dopo un’adolescenza turbolenta ha scelto di salvarsi la vita rifugiandosi in un mondo tutto suo fatto di musica, letture e scritti dalle mille sfumature del blu(es) e del rosa. Idealizzatore per natura, è convinto che l’umanità si possa ancora salvare con due grammi di empatia e gentilezza nel caffè. Quando lo chiamano scrittore si immagina sopra un prato verde, tra le capre, a comporre sonetti. Poi si sveglia, abbraccia le sue figlie e monta in bici per andare a rispondere ai clienti di una potente e distopica paytv.

Noemi Venturella Schiavizzata dalla “Psiche propria & altrui S.p.a.” da quando ha memoria, creatrice-viaggiatrice-scrittrice di organi interni e disavventure croniche con un gusto retrò per la profondità e la povertà monetaria. Filobate relazionale e amante degli esseri pelosi, delle sperimentazioni, di andate vite da bohémiens che però, almeno nella testa, sanno sempre dove vanno. Prova un logorroico, violento orror vacui di fronte alle ingiustizie, ai narcisismi, ai fumatori e alla negazione semantica insita nel suo nome anagrafico.

Correttrice di Bozze:

Sonia Melilli Risponditrice a malincuore in un call center da anni (troppi), in attesa di appendere le odiate cuffie al chiodo, quando il telefono non trilla cerca di dedicarsi ad altro, all’editoria e alla correzione di bozze. Il suo passato/non-troppo-passato è da hooligan rosanera, una di quelle (ancora) non violente che ama leggere, viaggiare e che continua a credere nella politica, nel cambiamento e nella giustizia sociale. Se ne deduce che è anche molto paziente.

I nostri Free-lancer:

Carlo Nix Nasce nella periferia nord di Palermo nel maggio del lontano 1984. Alla continua ricerca di nuove forme di espressione, scopre di saper scrivere un discreto italiano con notevoli problemi di ortografia. Dopo una sofferta laurea in Discipline della Comunicazione si trasferisce a Parma per lavoro (prognosi di 4 anni e 6 mesi). Oggi utilizza la scrittura tra le nebbie della bassa Padania come unica forma di comunicazione con il mondo esterno, che però non lo richiama mai. Allucinazioni oniriche durante interminabili pause caffè, rapide espressioni di pensiero tra solitudine, nostalgia e delirio. La madre dice di lui: “È tra i miei 4 figli sicuramente quello che dice più parolacce!”. La nonna conferma.

Rosita Baiamonte Laureata in Lingue con l’hobby dello sbarco in Inghilterra anche (ma soprattutto non solo) per… imparare l’inglese (ma come, non ha una laurea in lingue?). E poi chi lo sa. Curiosa come una scimmia, pigra come poche, ritardataria cronica. Pessimista per scelta, ottimista di natura.

Admin:

Noemi Venturella.

Macellai a Cottimo:

Gregory Di Giovanni, Alessia Ingrasciotta, Alexia Mangano, Claudio Marzullo, Davide Lopes, Fabio Campoccia, Ivan Monterosso, Laura Brida, Luigi Venturella, Luisa Montaperto, Marcello Bruno, Marta Riccobono, Pigi Arisco, Roberta Petralia, Roberto Crinò, Toni Zanca, Vincenzo La Spesa, Vito Catania et alii.

(Abattoir è stato anche: Gas Giaramita, Valentina D’AleoRiccardo Ferrante, Chiara MazzolaLiliana FormicaFaber L. GrayDonatella ZappiniGianni CiprianoManuela Lino, Marilisa DonesMiriam RizzoSonia RussoAnnalisa Bracciante.)

___

Licenza sui contenuti

Gli articoli contenuti nel sito www.abattoir.it (ad eccezione di immagini a corredo e altri contenuti secondari) e sui magazine tematici sono pubblicati con la seguente licenza:

Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported (CC BY-NC-SA 3.0)

Tu sei libero di:

Condividere — riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato;
Modificare — remixare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere.
Il licenziante non può revocare questi diritti fintanto che tu rispetti i termini della licenza.

Alle seguenti condizioni:

Attribuzione — Devi riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalità tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale. È importante che venga espressamente citato autore, titolo, URL (indirizzo web se presente), magazine e l’opera collettiva Abattoir nel quale è inserito.

Non Commerciale — Non puoi utilizzare il materiale per scopi commerciali.

Stessa Licenza — Se remixi, trasformi il materiale o ti basi su di esso, devi distribuire i tuoi contributi con la stessa licenza del materiale originario.

Divieto di restrizioni aggiuntive — Non puoi applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.

Autori e opere

Tutti gli autori, collaboratori occasionali e membri di abattoir, inviando qualunque contributo ai fini della pubblicazione sul sito o sui magazine, accettano tacitamente che la propria opera sia pubblicata con la licenza CC BY-NC-SA 3.0 su citata e si impegnano pertanto a citare in modo adeguato, oltre all’autore, l’opera collettiva di cui fa parte, il link all’articolo su www.abattoir.it o il magazine che lo contiene, riferendosi espressamente all’opera collettiva Abattoir nel quale è inserito. Tutti gli autori sono inoltre consapevoli che non è possibile revocare i diritti concessi.

Chiunque voglia collaborare con Abattoir è il benvenuto!
Basta mandare una mail a 
redazione@abattoir.it .

Rispondi