Cronache postmoderne

Martedì 9 maggio, ore 8:30. Mi sveglio nella mia ex-casa. Ho dormito male, mi manca la mia camera da letto da neo-donna, ma il nonno ha bisogno di me. Fine del risveglio. Faccio il letto, apro l’agenda blu. Il lunedì […]

L’erede

Non riesco a dormire. Sento le lenzuola fredde, e temo di avere i piedi ricoperti di ghiaccio. La sveglio. – Amore, sei sveglia? Si lamenta, il letto sussulta, si gira di fianco. – Uh… una cosa veloce però, dai, che […]

Quello che le donne dovrebbero dire

ALERT: in questo post leggerete parole tabù. Più di una volta su Abattoir.it si è parlato di ciclo mestruale e società, ma questa volta mi piacerebbe affrontare l’argomento partendo dal punto di vista lessicale e, più specificatamente, dal lessico-tabù. Sapete […]

Pubblicità specchio de che?

Tempo fa avevo visto su uno di questi quotidiani online che sempre più pubblicano link acchiappa-click (tipo tutti, da LaRepubblica a Il Fatto Quotidiano) un articolo con delle foto di vecchie pubblicità dove l’uomo appariva come il padrone e la […]

Dystopia

Caro Andrea, ti scrivo questa lettera sulla carta, poiché rimane l’unica forma non controllata di comunicazione. Sono di nuovo a secco. Anche i lavori in nero non si trovano più così facilmente: ogni agenzia assume i dipendenti dai profili dei social, […]

Foffo, Marco, Luca e noi.

“Orrore in un appartamento alla periferia di Roma!” “Brutale omicidio (trenta i colpi inferti alla vittima)!” “Brutale”, subito seguito dall’onomatopeico “agghiacciante”, mi sembra la parola dell’anno. A latere “trucidato”, “sevizie” e “sesso estremo” (che mi pare l’erede meno raffinato del […]