Ciao Salvini, ciao!

Non limitatevi a guardare vene non varicose, addominali scolpiti e bicipidi da urlo.

Duemila anni prima
che Abramo Lincoln
Liberasse l’infelice turba dei negri
L’umile schiavo
Euno
Da questa sicana fortezza
Arditamente lanciava
Il grido di libertà
Per i compagni di sventura suoi
Il diritto affermando di ogni uomo
A nascere libero
Ed anche liberamente morire

Ricordando l’alta significazione del gesto
Il Comune Di Enna
Questo ricordo
Pose
Anno 1960.

3 thoughts on “Ciao Salvini, ciao!

  1. Un bel monumento, fonte di ispirazione. Con un cambiamento di cultura in un secolo ci siamo liberati del diritto di possedere persone, almeno formalmente, anche se non tutti i paesi. Purtroppo ci sono ancora schivismi di altra natura (a volte a lavoro, a volte da parte del partner) e ci sono ancora schiavi animali. Di recente ho visto un film, un “negro” borghese e colto veniva rapito nell’america dello schiavismo. Il giorno prima era un uomo libero e rispettato, l’indomani uno schiavo, e non poteva provare in nessun modo di essere stato schiavizzato, ogni tentativo di fuga era punito con l’impiccagione. È passato poco tempo (1 secolo e mezzo), ma a quei tempi era tutto “normale”, in pochi si facevano delle domande. Io guardo con ottimismo il futuro, spero che un giorno anche quello che consideriamo normale oggi (per esempio le condizioni animali) appaia come la barbarie che è realmente.

Rispondi a fortuneandrea Annulla risposta