New Eden – Un mondo messo a nudo

L’articolo è si ispira allo scenario speculativo introdotto nell’articolo “Vivere e morire nell’Hyperrepublic. Appunti per una sociologia rizomatica partecipata” di Marco Castagnetto (forthcoming), Università di Torino.

In un angolo recondito del vasto universo digitale chiamato Consensus, esisteva una realtà virtuale chiamata New Eden, un paradiso creato dalla mente visionaria di Adeve, una figura enigmatica e affascinante. Adeve, una combinazione perfetta di Adam ed Eve, era un ermafrodito, il simbolo vivente di unità e armonia, il custode di questo mondo virtuale.

A impersonare nel mondo reale Adeve era Charlie Taylor. Il giovane aveva subito numerosi interventi di lipotrasferimento e si sottoponeva ogni giorno al body shaping dell’AI Electrostimulator. Era importante avere una forma corporea quanto più somigliante possibile a quella del suo avatar Adeve perché le nanoparticelle aptiche restituivano sensazioni tanto più realistiche quanto era più alta la corrispondenza tra avatar e forma corporea. Charlie si era arricchito fornendo skin cosmetiche PerfectImperfetion®  e fondando l’UGE New Eden che si rifaceva al mondo biblico descritto nella genesi. New Eden era l’esclusivo mondo virtuale frequentato dai più ricchi naturisti degli utenti del Consensus.

Continua a leggere

“Stanchezza”

…Una delle parole più in voga del periodo. Essere stanchi dà le occhiaie, rende spossati, ma spesso fa anche cool esattamente come essere impegnatissimi e senza tempo libero. Non “cringia” (come dicono i miei pazienti giovinetti) troppo in apparenza, semmai è talmente normale… da essere normalizzato! Il sovraccarico è all’ordine del giorno, normale amministrazione che va tollerata; cedere all’esserne affaticati diventa un segno di debolezza, di incapacità, quando non direttamente di inettitudine. Stanchi e colpevoli di esserlo insomma… e pronti per i prossimi integratori energizzanti di moda, per gli estetisti che nascondono le borse sotto gli occhi… In modo da “arrivare a fare tutto” e bene.

Era questo uno dei temi del gruppo di ieri, in cui con i miei pazienti ci chiedevamo ad esempio di come si arrivi al logorìo dei rapporti umani e a non riuscire a trovare spazio per pensare a se stessi. Qualcuno ha timidamente risposto parlando del proprio “tour di doveri”, qualcun altro ha accennato alle sue 13 ore di lavoro e altri alla tendenza a saturare tutti i tempi della giornata.

Continua a leggere

TOT di cose imprescindibili da fare a Siviglia

Mo’ siccome un bel po’ di gente mi ha scritto per dirmi che veniva a Siviglia e chiedermi consigli e io, visto che ho passato gli ultimi mesi tra dolori, depressione e cazzi vari, non ho risposto, eccomi a scrivere un post per elencare le cose imprescindibili da fare e vedere a Siviglia così da poterlo linkare a chi mi scrive in privato. Clean.

Monumenti principali: Cattedrale e Giralda, Real Alcazar e Las Setas

Innanzitutto la Cattedrale e la Giralda (la torre campanaria alta ben 104 metri) sono un unico monumento, quindi se vi vogliono vendere una visita turistica con questi “due monumenti” mandateli a quel paese perché il monumento è unico e il biglietto vale per tutto. La Cattedrale  Santa Maria della Sede di Siviglia è la Cattedrale gotica più grande del mondo, la Cattedrale più grande di tutta la Spagna e terza dopo San Pietro e St Paul di Londra. E comunque si, è enorme, piena zeppa di ori, argenti, immagini sacre e anche la tomba di Cristoforo Colombo. Vale la pena visitarla e soprattutto salire in cima alla Giralda: non ci sono gradini ma rampe, è fattibile, non fatevi ingannare dall’altezza! Da lassù si vede tutta Siviglia, i dintorni e uno scorcio bellissimo sui tetti della Cattedrale (visitabili, tra l’altro). Per comprare l’ingresso potete o affidarvi ad un’agenzia per una visita con guida in italiano tramite GetYourGuide o Civitatis oppure andare sul sito ufficiale ed effettuare l’acquisto secondo il calendario. Il lunedì pomeriggio la visita è gratuita ma si deve prenotare l’ingresso con anticipo (si paga 1€ per le spese di servizio). Continua a leggere

New Eden – Un mondo messo a nudo

L’articolo è si ispira allo scenario speculativo introdotto nell’articolo “Vivere e morire nell’Hyperrepublic. Appunti per una sociologia rizomatica partecipata” di Marco Castagnetto (forthcoming), Università di Torino. In un angolo recondito del vasto universo digitale chiamato Consensus, esisteva una realtà virtuale […]

Essere Stanchi oggi

“Stanchezza”

…Una delle parole più in voga del periodo. Essere stanchi dà le occhiaie, rende spossati, ma spesso fa anche cool esattamente come essere impegnatissimi e senza tempo libero. Non “cringia” (come dicono i miei pazienti giovinetti) troppo in apparenza, semmai […]