Dargliela vinta

  • Gli invasi sono semi-vuoti e noi cerchiamo sempre la responsabilità da qualche altra parte.
    Eppure da quando sono piccina sento parlare di “emergenza-siccità” e delle sue cause-effetto come pure dei possibili rimedi (oltre che colpevoli).
  • Ultimamente (siamo quasi a fine anno scolastico, in piena “emergenza”) mi chiamano per certificare i deficit (?) di alcuni giovinetti al fine di agevolarne la promozione scolastica. Lo fanno i genitori, ma in qualche caso l’idea viene anche dagli insegnanti. Quando ciò accade, io mi sento in difficoltà: empatizzare col ragazzino “deficitario” e con le crisi di chi gli sta intorno oppure cercare il senso della sua difficoltà “scolastica”? Non sto sottintendendo che i DSA o i BES e simili non esistono, eh… Ne potremmo eventualmente parlare, di cosa sono oltre a un deficit… Ma non è tanto (solo) questo.
Continua a leggere

Quella volta che una mosca fermò il mio cammino

Questa è la metaforica storia breve di quella volta in cui una mosca ha fermato la mia auto con un solo colpo. Certo, le è costata la vita…

Ero sull’autostrada, avevo già percorso 100 km e mi aspettavano altri 300. Qualche sassolino si era già schiantato, ma in genere così piccoli non causano danni, solitamente lasciano solo un piccolo segno sul parabrezza, che si può sentire grattando con le unghie il vetro. Niente di che. Bisognava evitare di stare dietro ai camion soprattutto. Avevo lavato l’auto il giorno prima e quel pomeriggio d’estate c’era un continuo sciamare di farfalline e moscerini che si schiantavano sul muso e sul parabrezza. A un certo punto ho dovuto azionare il lavavetri.
Continua a leggere