Storytelling – Speriamo che piove

di Gabriele Monte

Dieci anni fa ero ancora a Palermo. Nella parrocchia che frequentavo c’era una giovane rom che, ogni domenica, chiedeva l’elemosina con la figlia adolescente. Non stavano fuori della porta, ma su una fila di sedie appena dentro i locali parrocchiali. Avevano preso “il posto” di un’altra famiglia, trasferitasi in Belgio, ma erano più cordiali e discrete; invece di insistere sul denaro, inoltre, chiedevano più spesso qualcosa da mangiare.
Passò del tempo e imparammo a conoscerci. «Perché ti fermi a parlare con loro?», mi chiedevano i parrocchiani.
«Perché sono persone, per lo stesso motivo per cui parlo con chiunque altro», rispondevo.
Non fui il solo a fare il salto oltre la diffidenza: anche il parroco le aiutava, e alcune donne mostrarono affetto e umanità quando la ragazza diede alla luce un altro bambino. Continua a leggere

Vizi Capitali 2.0 – Il Vangelo secondo Maria Maddalena

di Lucia Immordino

ì·ra
sostantivo femminile
Moto di reazione violenta, spesso rabbiosa, e per lo più non giustificabile sul piano umano e razionale: avere uno scatto d’ira; lasciarsi trasportare dall’ira; secondo la dottrina cattolica, uno dei sette vizi capitali.

Prima puntata
Tutt’intorno era il caos: chi gridava, chi spingeva violentemente, chi correva ai bordi della strada sotto il sole feroce del primo pomeriggio.
Lei era lì, immobile in mezzo a quella confusione nel suo nobile contegno, chiaramente incinta ma minuta, aveva il volto coperto da un velo rosso che lasciava intravedere gli occhi nocciola e ampi, lucidi a causa delle lacrime di profondo dolore.
Accanto a lei una bimba e un ragazzino più grande.
La folla riprese ad inquietarsi e il maschietto, afferrata la mano della sorellina in una morsa, evitò che quella la inghiottisse.
Maria Maddalena inciampava mentre cercava di inerpicarsi per la collina sotto un cielo divenuto inspiegabilmente nero, poi fu illuminata da un fulmine che lo squarciò: il suo obiettivo era di raggiungere Lui. Continua a leggere

Cos’è la parità di genere – Analisi di un’infausta realtà

di Gregory di Giovanni

Parità di genere e insofferenza
La Parità di genere, per alcuni, viene considerata come il sovvertimento dei ruoli così come ci sono stati tramandati in secoli di storia.
Argomentare su questo tema, spesso, favorisce in buona parte del pianeta rabbia e frustrazione, perché per cultura o religione la donna viene vista come un essere inferiore. Inoltre, se in generale spesso la religione influisce negativamente su questo aspetto, si può correttamente dire che anche nelle zone in cui la religione ha dato il giusto valore alla donna, a livello societario le diseguaglianze rimangono pressoché intatte.  Continua a leggere

Palermo ambigua

A piazza Magione non ci arrivo mai per caso, ma per caso vedo lui o loro: dietro i cumuli di munnizza, alle spalle dei vari posteggiatori abusivi e a 200 metri da Manifesta, ci sono questo ippopotamo prima e questo […]

Storytelling – Speriamo che piove

di Gabriele Monte Dieci anni fa ero ancora a Palermo. Nella parrocchia che frequentavo c’era una giovane rom che, ogni domenica, chiedeva l’elemosina con la figlia adolescente. Non stavano fuori della porta, ma su una fila di sedie appena dentro […]

Marina di Melilli

Marina, risorgerai

Sono arrivato a Marina di Melilli per caso: perso tra la statale che da Augusta porta a Siracusa, dopo aver attraversato caselli fantasma con luci verdi e rosse che non servono a nessuno; attratto dal più grande complesso petrolchimico d’Europa: […]

Padre Pio resort

Perché andare al mare quando è possibile passare delle vacanze alternative a San Giovanni Rotondo? Troppo tardi, tutto esaurito! D’altra parte Padre Pio è un business attorno al quale campano diverse famiglie, come quelle di chi vende statue raffiguranti lo […]

Sì, invecchiare

E’ uno dei miei mood del periodo. Non credo siano i 35: ne ho parlato parecchio con le mie nuove rughe che, certo, non mi piacciono; e però me le sono guardate e per alcuni versi le ho anche un […]