DE*GENERAZIONI – Lo stato dello Stato

Sono le 24 e qualcosa e difficilmente si sa cosa pensare quando sei sbattuliato da ore di caserma in caserma: qui ti rimbalzano random invece di dire che dopo le 20 a Palermo solo una caserma raccoglie denunce: “lo sanno tutti”, aggiunge chi finalmente me lo dice. Quando ci arrivo, 2 ore fa, mi dicono che è meglio che io vada, cercano di dissuadermi, di sottolinearmi con persuasione che dentro c’è un caso grave e che chissà quanto tempo ci vorrà. Intravedo il maresciallo: è già in pigiama. Io d’altronde la mia denuncia posso anche non farla, tanto non serve a niente, oppure posso farla anche dal nord, visto che domani parto. Così dicono.  Continua a leggere

Pillon Pinnolon

Pillon pillon pillon
Tutti ti danno del “pinnolon
Ma tu vuoi fare un gran figuron
Per intascarti tanti milion

Un giorno ti svegli e dici “hey hey
Organizziamo un family day!
Onoriamo il padre, il figlio, facciamo festa, accendiamo un fuoco!
Chi? La Madre? Vabbé, fatela entrare, ma solo per poco!

Non esiste altra famiglia
Che padre + madre + figlio o figlia,
Le altre unioni sono uno scherzo, un inganno, un gioco
Per cui tutti insieme gridiamogli AL ROGO!

Andiamo tutti in una scuola di Brescia
A digliene quattro a quella baghescia
Che mentre gli alunni si facevan le seghe,
Lei continuava a parlare di streghe. Continua a leggere

Parigi, la città museo e il fascino perduto

C’è chi dice che Parigi altro non sia che una città-museo in cui parigini e turisti sono soltanto comparse di un film ben confezionato da pagare a caro prezzo. Magari in parte è vero, per questo motivo l’essenza vera di questa città va cercata là dove meno te l’aspetti: la fermata di un bus, lo scorcio di un palazzo Haussmann, il viso di una ragazza che perde la sua fermata mentre legge in metro.

Dall’ultima volta, Parigi, è cambiata moltissimo: il terrorismo l’ha sfregiata e umiliata, tanto che, ad esempio, per salire sulla torre Eiffel, ma anche per andare sotto la torre, bisogna sprecare almeno 4 ore della propria vita e fare lunghe, estenenuanti, code: la prima per accedere all’area, la seconda per i controlli di sicurezza, la terza per fare i biglietti (anche se avete fatto l’e-ticket) e, dulcis in fundo, tutti in fila per salire e scendere dalla torre.
Credetemi, ne vale la pena solo se siete masochisti e ascoltate la Via en rose di Edith Piaf in loop 24 ore su 24.

Meglio una passeggiata ai bordi di periferia, sul Pont Neuf, nel Marais o a Montmartre di sera.
Viaggiando insieme alle mie due bambine, probabilmente, non ho colto lo stesso fascino di 10 anni fa, ma davvero ho trovato estremamente forzato barriere di due metri in vetro antisfondamento, sporche per giunta, inferriate di ferro, tornelli e controlli vari.
Riguardo al rischio attentati, non ho avvertito pericoli imminenti, nè sensazioni di paura.
In dieci anni è cambiato tutto: io, il mondo intero… ma piegarsi in questo modo, a mio parere, è sbagliato: personalmente tutte queste misure di sicurezza sono un inno alla paura, e non è detto che tutta questa protezione serva veramente a qualcosa. Possono colpire ovunque, in punti molto più affollati: davvero non esiste soluzione a questa obrobriosa campana di vetro?
Perché rinunciare a pezzetti di libertà e fascino, se sulla carta tutto il mondo resta un obiettivo sensibile?

Quali soluzioni per proteggere il fascino, la centenaria bellezza?

 

 

Pillon Pinnolon

Pillon pillon pillon Tutti ti danno del “pinnolon” Ma tu vuoi fare un gran figuron Per intascarti tanti milion Un giorno ti svegli e dici “hey hey Organizziamo un family day! Onoriamo il padre, il figlio, facciamo festa, accendiamo un […]

Tempo

Tempo Che non passi mai Poi vai di fretta Mi fai impaziente E ancora fuggi Tempo Che sei dolce attesa O una condanna a vita Che fai buono il vino E rugosa la mia pelle Che spacchi il secondo E […]

Se sputiamo sulla divisa

Caso Cucchi. Tra qualche giorno uscirà nelle sale (o meglio su Netflix) il film che racconta la storia degli ultimi giorni di Stefano. Già alla presentazione durante la mostra di Venezia se n’è parlato parecchio, soprattutto in seguito ad alcune […]

Sossoldi!

Il denaro non è uno dei miei valori. Da quando ho memoria, combatto con la tirchieria di mio padre, che non dava i soldi della spesa a mia madre accusandola di sperperare; a me i vestitini li comprava la nonna […]

ParadoRso

di Bruna Piacentino In piedi alla finestra, ho un calice di vino bianco in mano e alle mie spalle la tv. Farfuglia cose, divaga di frammenti e sputi d’opinione, mentre le notifiche del mio smartphone trapassano i muri: è uno […]