Onda Pazza

di Alberto del Grande

Buio, puzza di fumo e polvere.

Pochi dischi e strumentazione spartana racimolata qua e là.

Il balcone si affaccia sulla strada e sventola “Radio Aut“.
Il clic di un pulsante, come un grilletto pronto a sparare, attiva il registratore a bobina.
La stanza si anima e l’onda parte.

Parte questa Onda Pazza che si propaga dall’aria immobile di Terrasini.

Gli amici ridono e pendono dalle labbra di quel capitano coraggioso che veste abiti umili e semplici.
Continua a leggere

Pepì e il sacco di grano

Pepì era poco più che un un pullo di Cornacchia quando fu cacciato dal nido, non aveva ancora imparato bene a volare. Aveva compreso però come lo stormo era organizzato e aveva osato manifestare il suo dissenso al padre.

Il padre di Pepì, Don Gigì, era una cornacchia Testaverde, così come suo zio e i Testaverde dettavano legge nella contrada Sulifoco.
Gli avi di Pepì avevano stretto un patto col mezzadro Sucameli e così i suoi figli, di generazione in generazione, lasciavano ai corvidi un sacco di grano ogni luna piena. I Testaverde in cambio “proteggevano” il campo di grano (cioè non lo razziavano). Dello spaventapasseri rimase così solo un lontano ricordo.

Continua a leggere

Peppino e la rivalsa della controinformazione

“Eh, io mi informo!”

“Perchié non cielo dikonoo!1!!11!!”

“Colpa dei poteri forti! Big Pharma! È colpa di Bill Gates!”

In un’epoca in cui l’informazione è stata monopolizzata dai “servizi esclusivi” di Striscia la Notizia e le Iene, parlare di controinformazione è diventato quasi ridicolo.

La controinformazione è la diffusione di informazioni non divulgate o divulgate non obiettivamente dagli organi di informazione ufficiali. Chi professa la controinformazione sostiene che i media siano asserviti ad interessi politici o economici particolari e che quindi non possano rappresentare in maniera oggettiva un fatto di cronaca o la realtà in generale. Con la controinformazione, in più, si fa leva su temi quali censura e libertà di informazione.

Ora, il problema qual è? È quello che ultimamente chi vuole fare controinformazione si professa come unico “detentore della visione corretta della realtà” che sarebbe corrotta da parte di politica, società o altro. Quindi questa visione corretta sarebbe ignota ai più: è da qui che nascono i fautori delle “teorie del complotto”. Continua a leggere

radio aut peppino impastato

Onda Pazza

di Alberto del Grande Buio, puzza di fumo e polvere. Pochi dischi e strumentazione spartana racimolata qua e là. Il balcone si affaccia sulla strada e sventola “Radio Aut“.Il clic di un pulsante, come un grilletto pronto a sparare, attiva […]

Pepì e il sacco di grano

Pepì era poco più che un un pullo di Cornacchia quando fu cacciato dal nido, non aveva ancora imparato bene a volare. Aveva compreso però come lo stormo era organizzato e aveva osato manifestare il suo dissenso al padre. Il […]