Profanare – v.tr. (es. un luogo sacro): sconsacrare, violare, dissacrare

La scorsa settimana io e alcuni colleghi abbiamo tenuto un seminario all’università. Ero molto contenta di andare a raccontare alcuni dei punti cruciali della mia formazione gruppoanalitica; contenta, soprattutto, dell’argomento da trattare: un argomento “politico” per eccellenza, relativo al mondo in cui viviamo e al tipo di psiche e di cura dell’umano che esso produce. E contenta lo ero ancor di più di per il lusso non econocratico (andai aggratisse) di condividere tutto questo, perché solo la parola non interessata e condivisa, la messa in circolo di nuovi modi di pensare, può “sformare” quel pensiero comune di massa che ci abita/omologa inevitabilmente tutti. In effetti, come dicevo all’Unipa, oggi il mondo non è A-ideologico (Ruvolo G.): forse “non ci sono più i valori di una volta”, dicono i nonni; ma in realtà il nostro mondo è pregno di nuovi ideali! E quali, se non quelli della metafisica capitalistica di massa?

Continua a leggere

Storytelling – Presepe con piselli

di Lucia Immordino

Ma con quale coraggio m’invitò? Come se fossimo buone amiche!
Che le sembra che me lo sono scordata che mi futtiu u zitu?
Dopo dodici anni di fidanzamento in casa, arrivò lei dal nord e con quattro moine mi futtiu u zitu!
Ora, siccome sono passati vent’anni da allora e io poi mi sposai con un altro, suo cugino Tanino per la precisione (ma no che lo volevo, diciamo che mi dovevo rifare del torto subìto: non potevo restare zitella agli occhi del paese!), si è sentita in dovere di invitarmi per un caffè.
Sotto Natale.
Dopo vent’anni.

Continua a leggere

Storytelling – Presepe con piselli

di Lucia Immordino Ma con quale coraggio m’invitò? Come se fossimo buone amiche!Che le sembra che me lo sono scordata che mi futtiu u zitu? Dopo dodici anni di fidanzamento in casa, arrivò lei dal nord e con quattro moine […]