Leggere il presente con l’aiuto di Erich Priebke

PriebkeGiorni addietro, l’eterno giovane giornalista Lodovico D.S. aggiravasi per Palermo alla ricerca della Verità. Giunta la sera, affamato ed esausto a causa dell’infruttuosa ricerca, scelse liberamente di guardare la partita Italia-Armenia nell’accogliente taverna Baroni, nel pittoresco quartiere Capo.
Solo ed impacciato, attirò l’attenzione di un gruppo di amici dagli abiti da lavoro sporchi e biancastri. Dedusse tempestivamente che trattavasi di lavoratori del cemento, o meglio, muratori. Gli uomini decisero di adottarlo al loro tavolo e, tra una glassa, un callozzo di salsiccia e un bicchiere di vino, parlarono delle loro vite.
Il giornalista, dopo il quarto bicchiere di marsala con l’uovo, venne preso da un inspiegabile fervore professionale… A partita finita, decise quindi di intervistare il suo nuovo compagno su un recente fatto di cronaca.

«Mimmo, lei cosa ne pensa di tutto quello che sta succedendo per i funerali del gerarca nazista Priebke, morto all’età di cento anni a Roma?».
Domanda retorica di Lodovico e fantomatica risposta del verosimile capomastro palermitano Mimmo Vicari, del quale condivido e sottoscrivo in pieno ogni singola, immaginaria, parola:

«Ci su cristiani ca campano na sittantina r’anni, e già assai sù, e nuddu ci rici grazi. Dì stissi ca si rumperu u culu a travagghiari ‘nno cantieri, ‘nmienz ‘u schifu ra cuacina e ‘i sputazza ca quannu tuoinn’a casa tà sientiri puru u cazziatuni ‘i to mugghieri ca passò tutt’a junnata rintra a pulizziari. Io fici 60 anni a luglio e cu cavuru chi c’iera i iammi un mi sintieva cchiù. Me patri, bon’anima, all’età mia già iera beddu ca sò pinsiuni ca jucav’i caitti o lato’o bar. Io m’a miettiri ‘n cuonto ca ancuora n’avutri cinc’anni mi l’a fari, pi contributi e minchiate r’accussì.
Tu si nicu e sti cosi un li po’ capiri. Ti ricu sulu ca l’amicu nuostro ddà, u’ nazista, iddu fici a mmiedda tutt’a vita e spaitti quannu muriu ci ficiru u sibbizziu nno primo canale. Perciò, ‘o funerali puru gli sbirri chi caschi e tutt’i cuosi, u parrineddu scantatu ca si facìa a cruci e na maniata i scimuniti ca ci facìanu u saluto cu vrazzu tisu.
Ma unn’è sta democrazia, cucì? Ricunu chi macari era agli arresti domiciliari e facìa na vita i miserabile! Cioè, vogghiu riri, mi pagassiro a mia pi stari stinnicchiatu a casa e viri cuomo vivo beddu in pace. Avutru chi mischino!
Io unn’ammazzavu mai a nuddu e mancu na timpuliata rietti mai. Iu nacqui ‘n Paliemmu e un putìa fari avutru, accumincia ca caiddarella e ora minni vaju ‘n pensione (quannu c’arrivu) comu capomastro. Iddu nacque dà ‘n Germania e un putìa fari avutru macari mancu lui, chi sacciu io? Anche se vero è ca iu, si vulìa, putìa fari cchiù picciuli… Ma tu u sai, ci sù travagghi e travagghi, si a mia mi riciunu r’ammazzari un chistianu, accussì, ri buotto, io un m’a firu. U rico chiaro, io un cià sacciu a pigghiare un figgh’i matri e spararici ‘n tiesta.
Me patri, bon’aimmuzza, ricià siempre ru cosi, cu nasci tunnu un po’ moriri quatratu e u cane morde siempre u spaiddatu. E u sacciu ca a mia, chi mai ci fici mancari u pani e a fedd’i cainni a me mugghiere e ai picciriddi, a mia un m’u fannu u sibbizziu nna televisione. Picchì sugnu un chistianu onesto, unn’ammazzu, unn’arrubbu e m’immriacu na vota a simana quannu joca ‘u Paliemmu.
Pì chistu, o’ finale, io sugnu disgraziato e chi pieri vunci e u nazista è bieddu tisu e campa cint’anni».

One thought on “Leggere il presente con l’aiuto di Erich Priebke

  1. Forse un telegiornale (vero) lo dovremmo inventare noi con queste “interviste retoriche”!
    Sarei curiosa di vedere cosa ne pensano quelli del Capo, davvero. Sempre se perdono tempo a pensarci, ovviamente.
    (La nuova frontiera di Abattoir e di Lodovico : P ! )

Rispondi