Il prezzo da pagare per parlare a reti unificate

Il premier confonde il suo ruolo con quello del Presidente della Repubblica a Capodanno

Venerdì 20 Maggio è andata in onda sui principali telegiornali nazionali italiani un’intervista a Silvio Berlusconi riguardante i risultati delle recenti amministrative, e in particolare i ballottaggi relativi a Milano e Napoli. …Sono stato impreciso, scusate! Non si tratta di “un’intervista” sola, bensì di 5 interviste distinte del TG4, TG1, TG5, TG2 e Studio Aperto. L’ impressione però è stata quella di un’unica intervista a reti unificate, evento mediatico tipico dell’intervento del Presidente della Repubblica per capodanno: stesse domande, o – per meglio dire – stesso monologo (perché si sa che il Premier ama le interviste “Marzulliane” della serie “Fatti una domanda. Datti una risposta”), stessa inquadratura, stessa scenografia, stessa fascia oraria:

Lo "spot" incriminato

Non è la prima volta che il Premier ricorre al potente mezzo mediatico televisivo, trasformando il proprio studio in un intimo set aperto al pubblico con bandiere in bella vista e logo del partito che fluttua magicamente sullo sfondo. Ciò che fa discutere in questo caso non è solo il tempo dedicato al leader di maggioranza, ma la modalità e i contenuti delle interviste: un vero e proprio spot ricco di promesse populiste, demagogiche, atte a diffondere la paura delle minoranze etniche, dello “straniero invasore”, a far sperare in un futuro con meno tasse, più ricchezza, più servizi, più lavoro e “chiu pilu pi tutti1.

Per fortuna però l’ AGCOM, l’Autorità Garante per le Telecomunicazioni, ha multato le redazioni dei cinque telegiornali: 250 mila euro (il massimo previsto per legge, poiché recidive) è la multa riservata al Tg1 e al Tg4, 100 mila euro invece al Tg2, al Tg5 e a Studio Aperto di Italia Uno.

E anche se le cifre possono sembrare da capogiro per un comune mortale, è ragionevole pensare che per una emittente televisiva o per un partito politico queste cifre possano essere un investimento ben ripagato, specialmente visto che l’abuso in alcuni casi è recidivo!

1Frase tipica di “Cetto La Qualunque”, caricatura del politico medio interpretato da Antonio Albanese, che promette più donne per tutti durante i suoi comizi.

3 thoughts on “Il prezzo da pagare per parlare a reti unificate

  1. Considerato poi che nel caso di una tv publica come la rai la multa verrà scaricata sugli abbonati…

    ( su italia1 è più pallido… dopo questa avranno licenziato l’addetto alle luci)

  2. è hanno ancora il coraggio di chiamarle interviste…ogni paese ha il governo che si merita, in francia o germania ci sarebbe guerra civile.

Rispondi