In memoria delle vittime di Messina (terremoto del 2009)

“Accura! Accura!”
Vuciava a za’ Rosa a so figghia.
“Accura chi sinni sta vinennu tuttu u’ fangu!”.
E ‘ntantu a Muntagna chiancìa.
Chiancìa li torti di la genti,
chiancìa i so’ figghi, penitenti.
Ora l’avi cu iddra,
li teni stritti o’ so core.
‘Sta terra,
chi unn’avi pietati,
e cu c’arresta more.

Rispondi