L’Adatto

Le guardo sempre con ammirazione, almeno da un 5 anni. Alla fine ho deciso di creare aiuole e vasetti a casa per circondarmene. Amo la bellezza delle piante grasse, la loro adattività sorprendente, la capacità che hanno di ottimizzare l’acqua in luoghi improbabili: dai balconi abbandonati, ai ruderi fatiscenti, alle rocce più secche della piena estate siciliana. Le fotografo e mi beo del loro essere opportune, eleganti, a volte anche fiorite. I fichi d’india addirittura fanno i frutti, e una cassetta costa e neanche poco! Le loro spine d’altro canto non mi fanno paura, le guardo con tenerezza e invidia. Quasi desidero essere come loro: protetta e al contempo maestosa. Eppure la mia riflessione scivola a un certo punto sull’orlo del rischio di adattamento.

Vado controcorrente, me ne rendo conto. Siamo decisamente darwiniani, avvinghiati a quell’idea che “sopravvive solo il più adatto”. “L’Adatto”… Ma chi era costui?

Continua a leggere
astratto

C’est la loi de Lavoisiere

Patetico, ultimo bagliore di luce scivola via e si perde nella penombra di un sospiro.Eterno ricordo di un’onda che si ritira, avanza, si infrange. In movimento. E lo spazio che riempie la stanza rimane l’unico sopravvissuto conforto.Quale senso nel rifare […]

L’ultimo sguardo prima di partire

C’è sempre un’ultima volta, distratta o attenta.Non sapevo fosse la nostra e non ho dato importanza. Di te non mi rimane che la puzza dei panni sporchi,che coltiverei come margherite sul più verde prato,sti quattro sbiaditi ricordi di cui ogni […]